Microalghe

algae

Microalghe

 

Le microalghe, piante acquatiche unicellulari, non sono una scoperta recente. Esistono da più di 3 miliardi di anni, e sono la causa principale dell’ossigeno nell’atmosfera terrestre. Microorganismi di una sola cellula sono generalmente più piccole di 5 μ (micron). Il punto alla fine di questa frase, per capirci, è circa 20 volte più grande della più comune microalga. Crescono velocissimamente, e si riproducono ancora più velocemente.

A differenza delle piante terrestri che sono più complesse, le microalghe non devono costruire sovrastrutture cellullari dedicate a funzioni sofisticate.
Le piante terrestri costruiscono complessità, mentre le microalghe si limitano all’essenziale, cioè alla fotosintesi, e per il resto vivono dentro all’acqua come in una sacca amiotica, segnatamente:

Selection_014

Sesso. Le piante terrestri dedicano il 35% delle loro energie e risorse al loro apparato sessuale-riproduttivo, le microalghe non se ne preoccupano, e si riproducono sessualmente o asessualmente a seconda delle condizioni.

Riproduzione. Una microalga può produrre (riproducendosi) più di un milione di figli in un giorno.

Radici. Le piante terrestri investono il 25% delle risorse nelle radici. Le microalghe sono sradicate, e vanno dove le porta la luce,

Grado di libertà, direzione. Le piante terrestri hanno una sola direzione (vincolo) lungo la quale svilupparsi. Le microalghe vanno a 360 gradi su tre assi (x, y, z)

Questi sono i fattori che differenziano, per esempio, microalghe dal silomais quando si vuole coltivare biomassa per energia.
(Tratto da M. Edwards, Green Algae Strategy, 2008)